Tiro con l’arco

Tiro con l’arco

Oggi più di sempre la vita che la maggior parte di noi deve condurre, lascia poco tempo libero. Poco tempo per distrarci, per occuparci di cose apparentemente futili eppure così importanti per la nostra salute fisica e mentale.
Poco tempo per sognare, poco tempo per emozionarci.
Abbiamo quindi poco tempo da dedicare ad attività al di fuori della sfera dei doveri: famiglia e lavoro, che sono prioritari, fagocitano la nostra vita e impediscono di dedicarci a noi stessi.
Alcuni di noi hanno trovato nel tiro con l’arco una valvola di sfogo di enorme importanza. Questa pratica, a mio avviso specialmente nella sua forma del “tiro di campagna” offre immense opportunità.
Un ritorno al passato: sia alle radici della natura umana, sia all’infanzia dove gioco e impegno si fondono in un tutt’uno capace di distoglierci dalla realtà. Un momento quanto mai salutare, una riscoperta di noi stessi, della nostra importanza come persona, dei nostri limiti, della nostra goffaggine, ma anche delle nostre capacità a volte insospettate.
Un viaggio introspettivo e un viaggio nell’ambiente che ci circonda, immersi nella natura che è il naturale contenitore di questa splendida attività.
“Una freccia vola nel bosco” è lo slogan scelto per Archery.it perché la sensazione di libertà che dà una freccia che sibila fra prato e foglie, fra rami e cielo, racchiude l’emozione del momento più bello e drammatico del tiro con l’arco.
Quella freccia ha occhi e orecchie: siamo noi stessi che vediamo il paesaggio correre ai nostri lati e siamo noi, con questo prolungamento ideale, che voliamo, che ci proiettiamo verso il bersaglio.

Se poi la freccia non impatta su un bersaglio inanimato, ma su un essere vivente, allora si entra in un’altra realtà, collegata ma a sé stante. Un mondo denso di valori e di emozioni, di dubbi e di convinzioni, di gioie e di tristezze.
Un argomento delicato, apparentemente fuori dal tempo ma così presente in tutti noi.
Lasciando da parte facile retorica e scontati luoghi comuni, vestendo i panni di un “uomo selvatico” ma figlio del suo tempo, muovendosi con buon senso ed umiltà, entrate anche voi in questo mondo.

Archi e frecce

Il colorato mondo dell’arco tradizionale

Compound

Archi tecnologici sul campo di gara

In gara

Dopo il tiro, si conteggiano i punti